Nuove date, nuovo recap! Continua infatti il viaggio in Sud America degli Incubus, impegnati stavolta in un “minitour” nel tour che li porterà in quattro città brasiliane per esibirsi in occasione del Summer Break Festival. Due di queste date, nello specifico San Paolo e Rio de Janeiro, hanno visto la band esibirsi di fronte ad una marea di persone. Vediamo come è andata!

A San Paolo c’era la folla delle grandi occasioni: ben 30.000 persone, secondo l’organizzazione, sono infatti accorse per godersi un pomeriggio ed una serata di buona musica, assicurata dalle cinque band che si sono avvicendate sul palco: i Nem Liminha Ouviu, i Soja, gli O Rappa, i Dave Matthews Band ed ovviamente gli Incubus.
I nostri avrebbero dovuto cominciare l’esibizione alle 19 ora locale (le 22 in Italia), ma una serie di problemi tecnici hanno fatto slittare l’inizio del concerto di una mezz’ora buona, facendo al contempo saltare temporaneamente anche la diretta del concerto, trasmessa da Sky Brasile.
Una volta sistemati i problemi, i nostri sono saliti sul palco sotto una pioggia battente, cominciando con l’accoppiata ‘Quicksand’ + ‘A Kiss To Send Us Off’. Dopo un breve saluto, la band è ripartita subito con ‘Megalomaniac’, ‘Nice To Know You’ e ‘Adolescents’, continuando poi con classici come ‘Drive’, ‘Dig’, ‘Anna Molly’, ‘Sick Sad Little World’ e concludendo il concerto con ‘Pardon Me’.
La scaletta, ridotta rispetto ai concerti precedenti a causa delle tempistiche del festival, è stata molto gradita dai fans che hanno perdonato una esibizione non molto brillante a dir la verità, sicuramente minata dai molti problemi presentatisi prima e durante lo show: oltre al ritardo, durante l’esibizione si è visto Mike armeggiare per tutto il tempo con la sua strumentazione, ed anche Ben, ogni tanto, si allontanava dalla sua postazione per suggerire aggiustamenti relativi all’audio del basso, che a detta dei presenti copriva quasi del tutto il suono degli altri. Aggiungiamoci poi che lo schermo alle loro spalle funzionava a singhiozzo e capirete che la situazione non era certo delle migliori.



Di tutt’altra pasta è stato invece il concerto di Rio de Janeiro, dove i nostri hanno regalato ai fans un concerto memorabile: molti dei presenti, critici e giornalisti del settore compresi, hanno unanimemente affermato che lo show degli Incubus è stato il migliore della serata, superando la performance dei Dave Matthews Band, headliner del festival. “Ho trovato incredibile soprattutto che la band sprigiona un’energia contagiosa sul palco”, dice Gabriel Von Borrell, noto giornalista e critico brasiliano, che continua “Sono andato allo spettacolo del 2007,e sembra che il tempo si sia fermato per Brandon. La sua voce sembra essere sempre più potente, per non parlare del fatto che i membri della band hanno una chimica sensazionale tra di loro,e lo dimostrano facendo dell'ottima musica e divertendosi con i fans”.
La scaletta dello show è stata più o meno la stessa di San Paolo, sono state giusto suonate ‘The Warmth’ mixata con ‘’Careless Whisper’ di George Michael e ‘Are You In?’ mixata con ‘Riders Of The Storm’ dei Doors al posto di ‘Quicksand’ e di ‘Vitamin’.
Insomma una serata superba, che ha riscattato alla grande la sfortunata esibizione di San Paolo. Il minitour brasiliano continuerà poi con le tappe di Curitiba e Belo Horizonte, su cui non mancheremo di documentarvi!

SETLIST SAN PAOLO

 

SETLIST RIO DE JANEIRO

Cerca nel sito

Segui Incubus Italia

Segui la Band

Seguici su Twitter

JSN Epic is designed by JoomlaShine.com