Bentrovati, cari Incufans, con il nuovo appuntamento con la Incubus Time Machine, la rubrica che vi porterà indietro nel tempo raccontandovi eventi, meeting, concerti memorabili e molto altro ancora! Oggi vi parleremo di S.C.I.E.N.C.E. , che festeggia in questi giorni 21 anni di pubblicazione.

Il 1997 fu un anno spettacolare, musicalmente parlando, partendo dagli U2, che pubblicarono il loro controverso album “Pop”, passando ai Radiohead di “Ok Computer” ed ai Foo Fighters, che con “The Colour and the Shape” fecero il loro debutto ufficiale come band. Quell’anno, inoltre, cominciò prepotentemente ad affacciarsi sulla scena musicale un nuovo genere, il Nu Metal, grazie a band come i Korn, i Limp Bizkit ed i Deftones, che nel ’97 pubblicarono il loro capolavoro “Around the Fur”. Nello stesso anno gli Incubus decisero di dare un seguito a Fungus Amongus, loro primo lavoro pubblicato nel 1995, cavalcando il sound del momento ed andando a creare un album che è entrato di diritto nel filone Nu Metal.

Freschi di un contratto con la Immortal Records, un’affiliata della Sony, che li avrebbe legati all’etichetta per sette album, i nostri si chiusero in un piccolo studio di registrazione di Santa Monica nel maggio del ’97, e dopo solo sei settimane avevano già finito di registrare le tracce del nuovo lavoro.

L’album venne intitolato S.C.I.E.N.C.E., un acronimo che secondo i componenti della band dovrebbe stare per “Sailing Catamarans Is Every Nautical Captain's Ecstasy”, anche se nel corso degli anni sono state date molte varianti dell’acronimo. Brandon stesso, in molte interviste, ha affermato che non esiste un significato vero e proprio per l’acronimo, e che spesso lui e gli altri componenti della band, a quel tempo, si divertivano a trovarne sempre di nuovi.

Il disco, che venne pubblicato il 9 settembre 1997, si dimostrò subito un lavoro ad ampio respiro, che traeva ispirazione dalle sonorità heavy metal, electro, funk, jazz, hip hop e techno. La critica musicale apprezzò molto questa varietà di suoni, spesso molto diversi tra loro, ma che la band era riuscita a fondere creando un proprio sound che li rese riconoscibili quasi all’istante. Pitchfork lo definì proprio un interessante ibrido di più generi, che gli Incubus sono riusciti ad amalgamare quasi alla perfezione, mentre Allmusic lo definì un lavoro ammirabile in un genere che tendeva a preferire i decibel alla qualità.

Incassati i favori della critica, i nostri decisero di lanciarsi in un tour promozionale, e cominciarono ad esibirsi come opener per i concerti dei Korn e dei 311. Questi ultimi rimasero molto colpiti dal sound e dall’energia degli Incubus e così chiesero alla band di aprire i loro concerti in giro per il mondo.

Il tour promozionale subì una breve battuta di arresto nel febbraio del 1998 quando DJ Lyfe, l’allora DJ della band entrato nel gruppo durante le registrazioni dell’EP “Enjoy Incubus” e che aveva lavorato anche in “S.C.I.E.N.C.E.”, venne cacciato dalla band con l’accusa di essere un elemento di disturbo per gli equilibri della band.

I nostri cominciarono così la ricerca di un nuovo DJ, e un amico in comune presentò loro Chris Kilmore. La band apprezzò fin da subito lo stile e l’attitudine di Kilmore e lo invitarono ufficialmente nella band.

L’ingresso del nuovo turntablist nella band non andò giù a DJ Lyfe che, nel corso degli anni, lo minacciò ripetutamente, tanto da far ottenere a Kilmore due ordinanze restrittive nei suoi confronti! La prima risale al 2003, quando Gavin Koppel (questo è il vero nome di DJ Lyfe) incontrò Kilmore e decise di sputargli in faccia senza motivo. Il secondo ordine restrittivo arrivò nel 2010 dopo che Koppel minacciò di morte Kilmore poiché non aveva fatto annullare la precedente ordinanza restrittiva.

Con un nuovo DJ a bordo, gli Incubus parteciparono all’Ozzfest e vennero poi chiamati a sostituire Ice Cube al Family Values Tour, dove si esibirono a fianco dei Korn, dei Limp Bizkit, degli Orgy e dei Rammstein. Il tour promozionale di S.C.I.E.N.C.E. si concluse con una serie di concerti dove i nostri affiancarono i System of a Down e gli Ultraspank.
 
 
 
Ed ora, per concludere, qualche curiosità sull’album:

  • Come già in Fungus, anche qui Brandon, Mike e Jose usarono degli pseudonimi nei credits dell’album: Brandon è Cornelius, Mike è Jawa e Jose è Badmammajamma.
  • Esistono altre versioni dell’acronimo del titolo dell’album scritto sopra, che vennero suggeriti nel corso di un’intervista del 1998: “Southern California's Incubus Enters Nevada Carrying Equipment” e “Social Chronology Includes Everyone:  Neanderthals, Cannibals, Humans”, dove manca però l’acronimo della E finale.
  • Dall’album vennero estratti tre singoli: “A Certain Shade of Green”, pubblicato il giorno stesso dell’uscita dell’album, “Redefine” e “New Skin”.
  • Nel 2015 l’album è stato inserito alla decima posizione della classifica “I dodici album Nu Metal più sottovalutati”, stilata dal canale musicale VH1
  • S.C.I.E.N.C.E. ha ricevuto la certificazione “Oro” il 3 aprile 2002 per aver venduto cinquecentomila copie su suolo americano

Cerca nel sito

Segui Incubus Italia

Segui la Band

Seguici su Twitter

JSN Epic template designed by JoomlaShine.com